Le elezioni di Caorle e la camorra

Tra Luciano Donadio, a capo del gruppo camorrista che ruotava attorno ad Eraclea e l'imprenditore Claudio Casella, attivo a Caorle i contatti erano frequenti. Alla luce del sole, ad esempio, presso il centro scommesse Snai, ad Eraclea, di proprietà di Donadio. altre volte più riservato. Non un rapporto sempre facile, del resto. Quando, nel 2010, … Continua a leggere Le elezioni di Caorle e la camorra

La vocazione al comando di Donadio

Noi qua facciamo quello che diciamo noi okay? E pure a Jesolo….”. Luciano Donadio, in compagnia del nipote Giacomo Fabozzi, uno degli addetti per  ai lavori “muscolari”, sta terrorizzando un ragazzo egiziano con cui il nipote aveva avuto un diverbio pochi mesi prima. E' uno dei segnali che suggeriscono come Donadio estendesse la sua signoria … Continua a leggere La vocazione al comando di Donadio

Il lavoro delle mafie

I guai per Ludovico Pasqual, piccolo artigiano edile, iniziano quando accetta la proposta di Antonio Pacifico, sodale di Luciano Donadio. Pasqual deve eseguire dei lavori entro una decina di giorni e Pacifico gli offre manodopera in nero da pagare in contanti. Un accordo di somministrazione di manodopera: gli operai vengono gestiti dal Pacifico e pagati … Continua a leggere Il lavoro delle mafie

Sindaci in offerta

“Il Mestre, candidato sindaco alle elezioni amministrative di Eraclea nel 2016, [ha] sollecitato e quindi accettato la promessa di Donadio Luciano (dirigente dell’associazione mafiosa […]) di procurare voti […] ed in cambio dell’erogazione di utilità consistenti, tra l’altro, nell’approvazione di istanze amministrative di società e persone facenti capo al sodalizio mafioso […]”. Con queste quattro … Continua a leggere Sindaci in offerta