Sequestro a Loris Candian

Non sono i dieci milioni di euro richiesti dal Pubblico ministero, ma comunque il sequestro definitivo di 3,8 milioni (e rotti) decretato dal Tribuna di Venezia il 3 maggio scorso, non dev’essere stato indolore nemmeno per Loris Candian, originario di Dolo, per molti anni imprenditore nel ramo dei rifiuti a cui la procura aveva attribuito un patrimonio fatto da ville, case, quote di fondi azionari per un valore appunto di dieci milioni.

Il collegio giudicante composto dalla presidente Alberta Beccaro e dai giudici Priscilla Valgimigli e Alessandro Gualtieri ha infatti accolto l’impostazione della procura secondo la quale “per molti anni Candian Loris sia stato dedito, per finalità di profitto, a traffici illeciti di rifiuti per quantitativi ingenti, e abbia improntato su basi delittuose […] l’operatività della Cal srl, società di cui è stato legale rappresentante”. La Procura aveva proceduto nel maggio dell’anno scorso, ad un sequestro precauzionale del patrimonio dell’imprenditore tra cui la lussuosa villa veneta Gussoni di Noventa Padovana composta di “35 stanze e varie pertinenze” per il pericolo concreto che i beni venissero “dispersi, sottratti o alienati”. Provvedimento confermato dal Tribunale del Riesame.

Il provvedimento di confisca preventiva, una novità nel campo del traffico illecito dei rifiuti in Veneto, ha la funzione di “impedire che il circuito economico legale venga funzionalmente alterato da anomali accumuli di ricchezza aventi illecita provenienza”. E gli “accumuli di ricchezza” nel caso di Loris Candian derivavano di un’attività illecita continuativa che consisteva sostanzialmente nella “miscelazione di rifiuti pericolosi” che poi venivano inviati allo stabilimento di destinazione senza che fosse possibile rintracciare l’origine o la composizione. Il rifiuto pericoloso veniva così “declassato”, si risparmiava sul trattamento, e le miscele venefiche venivano considerate alla stregua di banali rifiuti.

Malgrado la sua carriera imprenditoriale sia stata caratterizzata da condotte illecite nella gestione dei rifiuti, Loris Candian non ha mai subito una condanna penale definitiva e questo fatto delinea, secondo la procura veneziana, “un quadro sconcertante e amarissimo della situazione della giustizia in questo paese “.

La più clamorosa inchiesta in cui è stato coinvolto Candian è emersa nel 2005 quando venne alla luce la sua impresa, la Cal, in collaborazione la ditta Rossato di Pianiga fingevano di trattare le vecchie traversine delle ferrovie imbevute di un distillato del petrolio, il cresoto, altamente cancerogeno. In realtà il trattamento era del tutto fittizio e le traversine venivano vendute tal quali per chi volesse erigere palizzate da giardino, oppure venivano triturate e mischiate con altro legno per farne tavole di compensato per mobili di vario genere. In quella vicenda risultò coinvolta anche la ditta Edil Primavera di Reggio Calabria, controllata dalla famiglia di ‘ndrangheta degli Alampi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...